Specializzazione per RSPP (Modulo C)

Ottieni corso

Perché frequentare il corso di specializzazione per RSPP (Modulo C)?

Il Modulo C costituisce il corso di specializzazione per chi intenda intraprendere la carriera di RSPP.

Il corso, erogato in ottemperanza a quanto stabilito dall’art. 32, comma 6 del D.Lgs. 81/08 e dell’Accordo Stato-Regioni 07/07/2016, affronta le seguenti tematiche:

  • valutazione dei rischi;
  • predisposizione dei piani di informazione e formazione in azienda;
  • metodologia per una corretta riunione periodica aziendale;
  • metodologia per una corretta formazione, informazione ed addestramento aziendale;
  • metodologie didattiche;
  • Sistemi di Gestione aziendali;
  • relazioni aziendali con le figure professionali previste dal D.Lgs. 81/2008.

Il corso si caratterizza per una metodologia didattica fortemente attiva, nel corso del quale i partecipanti effettueranno esercitazioni di gruppo ed affronteranno casi di studio e simulazioni.

La verifica degli apprendimenti avverrà conformemente a quanto stabilito dal punto 7 dell’Accordo Stato-Regioni del 07/07/2016 e l’attività formativa si conclude con un questionario di gradimento.

Obiettivi del corso

Il corso consente ai partecipanti di acquisire le conoscenze/abilità relazioni e gestionali per svolgere il ruolo RSPP.

Durante il corso i partecipanti approfondiranno le conoscenze in merito alla:

  • progettazione e gestione dei processi formativi;
  • pianificazione, gestione e controllo delle misure tecniche, organizzative e procedurali;
  • utilizzo di forme di comunicazione adeguate.

A chi è rivolto il corso?

Il corso è rivolto a tutti coloro che siano interessati a completare l’iter formativo previsto per l’assunzione del ruolo di RSPP. 

Requisiti

Per partecipare è necessario:

  • essere in possesso dell’attestato di partecipazione al Modulo A e Modulo B Comune del corso di formazione per ASPP/RSPP o,
  • essere in possesso dell’attestato di partecipazione del solo Modulo A o
  • essere in possesso dei titoli di studio per cui è previsto l’esonero dalla partecipazione ai Moduli A e B.

Programma del corso

MODULO 1 – GIORNO 1

  • Presentazione ed apertura del corso;
  • Dalla valutazione dei rischi alla predisposizione dei piani di informazione e formazione in azienda (D. Lgs. n. 81/2008 e altre direttive europee);
  • Fonti informative su salute e sicurezza del lavoro;
  • Metodologie per una corretta informazione in azienda (riunioni, gruppi di lavoro specifici, conferenze, seminari informativi, ecc.); Strumenti di informazione su salute e sicurezza del lavoro (circolari,cartellonistica, opuscoli, audiovisivi, avvisi, news, sistemi di rete, ecc.);
  • La formazione: il concetto di apprendimento;
  • Metodologie didattiche attive: analisi e presentazione delle principali metodologie utilizzate nell’andragogia;
  • Elementi di progettazione didattica: analisi del fabbisogno, definizione degli obiettivi didattici, scelta dei contenuti in funzione degli obiettivi, metodologie didattiche, sistema di valutazione dei risultati della formazione in azienda.

MODULO 2 – GIORNO 2

  • La valutazione del rischio come: processo di pianificazione della prevenzione;
  • La valutazione del rischio come: conoscenza del sistema di organizzazione aziendale come base per l’individuazione e l’analisi dei rischi con particolare riferimento ad obblighi, responsabilità e deleghe funzionali ed organizzative;
  • La valutazione del rischio come: elaborazione di metodi per il controllo della efficacia ed efficienza nel tempo dei provvedimenti di sicurezza adottati;
  • Il sistema di gestione della sicurezza: linee guida UNI-INAIL integrazione a confronto con norme e standard (OHSAS 18001, ISO, ecc.);
  • Processo di miglioramento continuo;
  • Organizzazione e gestione integrata: sinergie tra i sistemi di gestione qualità (ISO 9001), ambiente (ISO 14001), sicurezza (OHSAS 18001);
  • Organizzazione e gestione integrata: procedure semplificate MOG (OHSAS 18001);
  • Organizzazione e gestione integrata: attività tecnico amministrative (capitolati, percorsi amministrativi, aspetti economici);
  • Organizzazione e gestione integrata: programma, pianificazione e organizzazione della manutenzione ordinaria e straordinaria;
  • La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (D. Lgs. n. 231/2001): ambito di operatività e effetti giuridici (art. 9 legge n. 123/2007). 

MODULO 3 – GIORNO 3

  • Sistema delle relazioni: RLS, datore di lavoro, medico competente, lavoratori, enti pubblici, fornitori, lavoratori autonomi, appaltatori, ecc.;
  • Caratteristiche e obiettivi che incidono sulle relazioni;
  • Ruolo della comunicazione nelle diverse situazioni di lavoro;
  • Individuazione dei punti di consenso e disaccordo per mediare le varie posizioni;
  • Cenni ai metodi, tecniche e strumenti della comunicazione;
  • Rete di comunicazione in azienda;
  • Gestione degli incontri di lavoro e della riunione periodica;
  • Chiusura della riunione, pianificazione delle attività e attività post-riunione;
  • Percezione individuale dei rischi;
  • Negoziazione e gestione delle relazioni sindacali – Art. 9 Legge n. 300/1970;
  • Rapporto fra gestione della sicurezza e aspetti sindacali: criticità e punti di forza;
  • Cultura della sicurezza: analisi del clima aziendale;
  • Cultura della sicurezza: elementi fondamentali per comprendere il ruolo dei bisogni nello sviluppo della motivazione delle persone;
  • Benessere organizzativo: motivazione, collaborazione, corretta circolazione delle informazioni, analisi delle relazioni, gestione del conflitto;
  • Benessere organizzativo: fattori di natura ergonomica e stress lavoro correlato;
  • Aspetti metodologici per la gestione del team building finalizzato al benessere organizzativo.

Scrivi una recensione per primo.

Accedi per lasciare una recensione
Questo sito web utilizza i cookie e richiede i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.